Books
in black and white
Main menu
Home About us Share a book
Books
Biology Business Chemistry Computers Culture Economics Fiction Games Guide History Management Mathematical Medicine Mental Fitnes Physics Psychology Scince Sport Technics
Ads

Lintelligenza artificiale - Piero S.

Piero S. Lintelligenza artificiale - Fanco muzzio editore , 1987. - 282 p.
Download (direct link): lapinteligenseartificaile1987.djvu
Previous << 1 .. 100 101 102 103 104 105 < 106 > 107 108 109 110 111 .. 112 >> Next


Queste cifre, tradotte in termini inf ormatici, significano possibilita di infilarepiu informazioni nella memoria del computer. L'unita di misura della memoria di un computer la board (scheda) di RAM. Nel 1980 Ie estese potevano contenere 64.000 informazioni (64Kbit), oggi ne esistono gia da un milione di informazioni (1Mbit). Normalmente un computer consente di utilizzare insieme diverse di queste unita, e la memoria disponibile si moltiplica di conseguenza. VLSI (Very Large-Scale Integrated circuit) fu il nome affibbiato ai chip della generazione ultra-veloce e ultra-compatta (da centomila a un milione di transi-stori) in corso di sviluppo un po'in tutto il mondo, ma particolarmente in Giappone.

Iprezzi scesero cosi velocemente che oggi chiunque puo comprarsi uno stock di circuiti integrati. Cio ha creato non pochi problemi al Ministero della Difesa (DOD) americana: ogni produttore di chip preferisce vendere alia Atari, che compra milioni di pezzi per suoi video-game, piuttosto che all'Eser cito, che ne comprerebbe soltanto alcune migliaia per suoi missili. Nel 1980 il Pentagono, preso dal panico dopo la scoperta della superiorita strategica raggiunta dai sovietici, decise che la situazione stava diventando ridicola (qualunque ragaz-zino poteva dispone di una tecnologia avanzata che invece er a fuori della portata degli Alti Comandi) e diede il via al progetto VHSIC (Very High Speed Integrated Circuit: circuito integrato ad altissima velocita). I primi risultati del programma SISTEMI DI SVILUPPO 249

sono chip di dimensioni inferiori al micron capaci di stipare piu di centomila transistor, ma l'obiettivo finale costruire chip di decimi di micron con decine di milioni di transistor, La loro frequenza sara allora di cento milioni di Hertz, circa 80 volte veloce che nei computer di oggi.

Per l'industria civile cio significhera un nuovo boom di applicazioni, oggi praticamente impossibili. Oggi un computer in grado di elaborate soltanto informazioni che viaggiano a basse fiequenze, per esempio via telefono, oppure in un orologio al quarzo. Non puo invece tenere il passo con la televisione (che trasmette meno di cento milioni di Hertz), e questo il motivo per cui non si trovano chip dentro televisori. Non appena saranno disponibili super-chip in grado di seguire frequenze di quel livello, sara anche possibile costruire televisori che elaborano Timmagine originale, per esempio per eliminare disturbi, per consentire di vedere canali simultaneamente.

9.5.4. Supercomputer

Con il termine "supercomputer" si identifica negli USA una classe di computer estremamente potenti, utilizzati quasi esclusivamente dal Ministero della Difesa ed enti affiliati (in particolare Los Alamos National Laboratories). La genesi di tali computer fu tipicamente militare (necessita di elaborare miliar di di miliardi di dati in tempo reale, la vulnerabilita nazionale), ma negli ultimi anni essi si sono affacciati al mercato.

I computer convenzionali si basano tutti sull'architettura "sequenziale" in-ventata da John Von Neumann, nella quale il programma da eseguire un insieme ordinato di istruzioni e il computer prende in considerazione una istruzione alla volta, la quale preleva dati dalla memoria, Ii elabora e produce eventualmente nuovi dati. Questa architettura si sta rivelando un ostacolo per raggiungere Ie velocita stellari rese possibili dai moderni chip. I costruttori privati di supercomputer hanno sostanzialmente cercato di perfezionarla. mago dei supercomputer senza dubbio Seymour Cray, ex progettista della Control Data che costrui il suo primo computer (il Cray-1) nel 1976 e possiede oggi 2/3 del mercato americano. Sono in attivita circa 140 macchine costruite da Cray, ciascuna costata circa 20 milioni di dollati (40 miliardi di lire). I Cray sono computer della classe "vector". Un vector processor un processore in grado di trattare dati con una stessa istruzione (SIMD: Single Instruction Multiple Datastream), ovvero di mandare la stessa istruzione a unita di SISTEMI DI SVILUPPO 250

elaborazione identiche, al contrario dei convenzionali SISD (Single Instruction Single Datastream). Un altro celebre vector processor il CDC Cyber 205. Una estensione di questa architettura Varray processor, nel quale dati sono addirittura bidimensionali. Un tipico array processor l'Illiac IV. Esistono anche macchine MIMD, come il Denelcor HEP, nei quali la multi-programmazio-ne viene fornita a livello hardware (invece che dal sistema operativo). Le classi SISD, SIMD, MIMD cercano in pratica di aggirare Ie limitazioni dell'architettura di Von Neumann, ma ne conservano la caratteristica principale: l'ordine delle istruzioni del programma determina come esse devono essere eseguite, controllo centralizzato, indipendentemente da quanti processor vengono utilizzati per fare poi calcoli.

Diverse societa producono oggi supercomputer che offrono un quarto della potenza del Cray a un quarto del prezzo, cosiddetti "crayette": SCS, Floating Point Systems, Intel (tutte nell'Oregon), Convex (in Texas), ecc, Il governo americano ha deciso nel 198.5 di finanziare quattro progetti di supercomputer in altrettante universita (Princeton, Cornell, San Diego, Illinois), stanziando 200 milioni di dollari per il primo anno.
Previous << 1 .. 100 101 102 103 104 105 < 106 > 107 108 109 110 111 .. 112 >> Next